giovedì 20 maggio 2010

... ci vorrebbe un'altra vita...

Stavo pensando a te, Momore...

E' già un anno che te ne sei volato via e mi hai lasciato questo senso di incompiuto con il quale ho condiviso tanti e tanti momenti della mia vita.

Ricordando di te ho ripercorso le strade della mia anima e, una volta di più, le ho trovate così poco conosciute.

Quando tu mi stavi vicino e mi guardavi con i tuoi occhioni adoranti, e prima di te lo faceva il mio Rufi, io mi sentivo serena, cercata e amata. Non è una sensazione che provavo spesso.

Forse perciò ho provato tante volte la stretta della nostalgia, ogni volta che "finiva" qualcosa che mi aveva emozionata e mi era scesa nell'intimo.


Ricordo che da piccola aveva una incontrollabile voglia di piangere sull'ultima pagina del libro che mi era tanto piaciuto o, ancor più banalmente, all'ultima puntata di uno sceneggiato televisivo.
Molti dei miei ricordi più nitidi sono umidi di lacrime.
E crescendo non sono cambiata di molto.
Ero già mamma di entrambi i figli quando ho letto "Se questo è un uomo" di Primo Levi.
L'ho finito di leggere un sabato pomeriggio mentre i piccoli dormivano... Quando l'ho chiuso sull'ultima parola ho cominciato a piangere e ho pianto a dirotto per buone 2 ore, lasciando che fosse il papà ad occuparsi dei bimbi al loro risveglio perchè le lacrime non mi bastavano mai.
Piango ad ogni celebrazione dell'Ultima Cena di Cristo quando il Sacerdote ripete "Diviserunt sibi vestimenta mea..." perchè ci avviamo verso l'epilogo della vicenda umana del nostro Signore... e riviverlo è ugualmente triste ogni anno.
Ho pianto per bimbi sconosciuti la cui storia è stata raccontata dalla televisione, per Papi che sentivo padri anche senza averli mai incontrati, per persone famose ma, tutto sommato, sconosciute, come Bob Kennedy, Claudio Villa, il dottor Tic (l'attore Luigi Vannucchi), Mia Martini.
Mi si chiude la gola ascoltando certe canzoni, come questa, che in certi passaggi dipinge la bambina che ero... Sono stata anch'io bambina, di mio padre innamorata. Per lui sbaglio sempre e sono la sua figlia sgangherata. Ho provato a conquistarlo... Ci vorrebbe un'altra vita...




Rivedendo certi volti mi sobbalza il cuore e continuo a salutare fra le lacrime chi ho amato e non c'è più.
E non mi sento inadeguata se lo faccio per le persone e anche per gli amici animali.
Anzi... spero che rivedrò gli uni e gli altri.
Per dire loro quanto li ho amati e quanto sono loro grata per quello che mi hanno dato.
E quando rivedrò il mio Momore gli riempirò il musetto di baci come facevo quando era accanto a me.
Mandi picjul...

14 commenti:

Gabry ha detto...

Non voglio aggiungere altro alla tua bellissima sensibilità che si lascia trasportare dalle emozioni... ma ti dico solo che io sono convinta che un giorno rivedremo tutti quelli che abbiamo amato, siano essi umani o animali.

Un abbraccio Kaishe e buona giornata!

Licia ha detto...

Buongiorno... a Gabriella che è sempre presente e a tutti gli amici, pure quelli che non riescono a passare, hanno cambiato percorsi o, semplicemente, sono presi da altri pensieri.
Oggi sono triste per il mio Momore, ma non dimentico la fortuna di averlo potuto avere.
E riverso il mio affetto sui 4 gaglioffi che ho in casa.
Ognuno con un carattere diverso sono adorabili combinaguai!

Gabry ha detto...

Anche qui il tempo non è bello questa mattina e la temperatura ha avuto un abbassamento abbastanza brusco... le preivisioni per il fine settimana , per quello che ho sentito, non sono proprio tanto rosee, speriamo si sbaglino... la mamma in questo periodo va come il tempo ... direi che è bizzosa e biricchina più del solito ma la cosa importante è che fisicamente sta bene.
Un abbraccio!

stella ha detto...

Kais hai una sensibilità straordinaria...hai fatto commuovere anche me.
E la sofferenza accompagna chi ha sentimenti di bontà ed altruismo.

Gabry ha detto...

Un abbraccio Kaishe e buona giornata!

Kaishe ha detto...

Buongiorno... certo non è proprio prestissimo ma abbiamo davanti ancora molto venerdì. E io vi auguro che sia un gran bel venerdì!!!

lasettimaonda ha detto...

Cara Kaishe, abbiamo molto in comune.....anch'io ho pianto col libro di Primo Levi, di un pianto antico, primitivo, cosi come ho bagnato ogni pagina di Lettera a un bambino mai nato, della Fallaci e singhiozzavo come una vedova al prologo di Un uomo, della medesima autrice.
Pensa che adoro cantare e lo faccio benino, ma ho un problema: mi commuovo e piango mentre canto e sento la musica!
Come te amo tanto gli animali e non riesco a stare senza....spero che tu abbia adottato un altro micio!
Un abbraccio!Syl

Kaishe ha detto...

Cara Syl... sono a quota 4 + 1 cagnetto proveniente dal canile.
Sai che proprio ieri in casa ho parlato di "Lettera a un bambino mai nato"?
L'ho letto quando frequentavo le superiori... e ieri ricordavo come mi avesse colpita questa "eternità" del doloro della Fallaci.
Sì, carissima.
Abbiamo molto in comune.
E questo mi fa molto piacere... perchè tu mi piaci!

Paola dei gatti ha detto...

ciao momore, voi non ci lasciate mai,creature meravigliose messe a camminare accanto a noi per mostrarci la via dell'amore incondizionato

Paola ha detto...

Cara Kaishe, anch'io provo quello che hai descritto in questo post.. ed è sempre più facile piangere, pensando a chi non è più o leggendo un qualcosa di particolare, ascoltando una canzone come questa in cui ci ritroviamo in qualche modo... ed è una sensazione che fa male , ma è anche così dolce a volte questo pianto: almeno per me è spesso di conforto.Ti abbraccio cara, augurandoti tutto di buono. Un pensiero al tuo Momore.

Gabry ha detto...

Un abbraccio Kaishe augurandoti un sereno fine settimana!

Gabry ha detto...

Buona Domenica Kaishe!

ziamaina ha detto...

Ciao cara, un abbraccio e tutta la mia condivisione, soprattutto nelle lacrime che versiamo ricordando chi non c'è più, anche quando oggi c'è qualcun altro a farci compagnia...

miciapallina ha detto...

Passa il tempo e certi ricordi non ci lasciano mai.
Si stemperano nella crudezza del dolore, lasciandoci però sempre vivo il buco nel cuore dell'assenza....
Io e Grande Gatto guardiamo il nostro glicine ed in ogni foglia veniamo il nostro piccolino... quest'anno non siamo riusciti a tagliare un solo rametto.
Un abbraccio forte... sei grande cara.

miciapallina

STAIT ATÊNZ…

Questo, come ogni altro blog, è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo n° 196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al nome, alla persona, all'immagine ed all'onore.
Quindi, se pensate di passare di qua per scrivere "spiritosaggini" a ruota libera, ve ne assumerete anche le eventuali conseguenze. Per parte mia, mi riterrò libera di intervenire se rileverò che si siano superati i limiti dettati dall'educazione e dal rispetto della dignità riconosciuta alle persone... TUTTE!
L'anonimato, evidentemente, non garantisce la copertura assoluta, poichè, eventualmente, la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog.
Sa ti va ben cussì bón… sennò piês par te!!! …tu pós ancje šindilâti: prat denant e selve daûr…

Stiamo insieme da...

Dicevi??? ^-^

37 grazie x 22 PREMI!!!

Sira degli Oedv Presiùs

Sira degli Oedv Presiùs
Grazie Cri!!!

Embè...

Embè...
Piuma nel Vento ringrazia OEdV!

Già! ... anche...

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!

Ma certo che NO!!!