giovedì 17 giugno 2010

Nelle paludi...

Come se non bastasse il dover sguazzare nel torbido stagno generato da questa vergognosa gestione della Res Publica Italiana... mi è capitato anche di cadere nelle paludi del Servizio Sanitario Nazionale.
Quello che, da un punto di vista strettamente personale, mi rode è che sto versando contributi da 34 anni e in questo tempo ho "disturbato" il minimo indispensabile... Due parti normali, qualche prescrizione medica e molte visite a pagamento.
Quello che mi scandalizza è il trovarmi a vagare in questo girone insieme con un'umanità preoccupata e dolente che, spesse volte, fatica a conservare la sua dignità per quanto la situazione la annichilisca...
Già al primo step ho avuto sentore che forse l'approccio educato non avrebbe portato a grandi risultati... ma questo è il mio modo di fare e solo quando mi fanno sbarellare di brutto posso scendere a livelli meno che civili.
Sta di fatto che già alla prima visita (dermatologica) ho dovuto far notare che la situazione di urgenza non dovrebbe essere suggerita dal paziente ma individuata dal dottore. E questo giustificava i 2 mesi trascorsi dalla prenotazione della visita alla sua effettuazione.
E infatti la dermatologa ha ravvisato l'urgenza e l'ha segnalata, ma le cose non hanno avuto la sperata accelerazione...
Perciò mi sono sorbita tutta la trafila precedente e conseguente all'asportazione di un neo e al suo esame istologico senza spazientirmi più di tanto.
Ma quando ho letto - ed eravamo il 20 maggio - melanoma maligno nodulare... appena sotto il mio nome in un referto, ho cominciato a percepire un aumento dell'importanza della parola "tempo"...
Da quanto tempo ha cominciato a modificarsi questo neo Signora?
Non lo so... mi è ancora impossibile capire cosa avrebbe dovuto impensierirmo di un neo sulla scapola, dunque non di facilissimo controllo, che non mi dava alcun fastidio fin tanto che uno dei miei gatti non lo ha graffiato... E comunque avrei pure io una domanda relativa al tempo ed è questa: C'è qualcuno che mi garantisce che prenderla con questa tranquillità, ora che sappiamo di cosa si tratti, non sia pericoloso? Per me!
Sta di fatto che sono entrata in questa sorta di girone infernale delle analisi e visite pre-ricovero.
Un girone che prevede puntate all'Ospedale di Gemona (dove sono seguita) all'Ospedale di Udine (per taluni accertamenti specifici).
Oggi toccava alla visita oncologica. E già non dovrebbe essere difficile immaginare con che animo ci si reca a farla.
Del resto - mi dicevo - piuttosto che questo "abbandono" nel quale non so nulla se non i pensieri che la mia mente produce in autonomia, e che non sono il massimo dell'ottimismo. Magari l'oncologa sarà una persona molto tranquillizzante che pur nella necessità di spiegarmi procedure che chiunque eviterebbe più che volentieri, mi farà sentire che la sua presenza e professionalità sarà ciò che volgerà tutto al meglio.
E con questi pensieri mi sono recata a Udine...
Signora c'è stata un'incomprensione... Io ho cercato di contattarla ma lei aveva sempre il cellulare spento.
Guardi che non è possibile. L'ho tenuto spento ieri solo per il tempo necessario per la tac che ho fatto. In questo periodo lo tengo sempre acceso proprio in previsione di contatti con il dottore che mi segue...
No, no... Le garantisco che stamattina ho provato più volte ed era sempre spento.
Strano... Ma che numero faceva?
320...
Non è corretto... Il mio numero è 329...
Ah ecco! Comunque ci dovremo vedere ai primi di luglio. Oggi sarebbe inutile perchè non ho ancora tutti gli elementi.
Quindi me ne torno a casa ancora senza alcuna informazione nè risposta?
Mi spiace...
Pensi a me. Arrivederci.

Per curiosità appena fuori ho digitato il numero che lei trovava sempre spento... 320... Al classico suono da errore di digitazione sul diplay è apparsa la scritta: Verificare operatore...

E io ho pensato: Se verificano tutto con questa cura sono fregata!!!

17 commenti:

Paola ha detto...

Mia cara Kaishe, non ci sono parole! Cerco di immaginarmi quello che stai passando, anche ricordandomi il girone percorso con la mia mamma: per loro non hanno importanza le nostre ansie, le nostre paure...e meno male che ti hanno rimandato ai primi di luglio, e non ancora più avanti!!! cerca di non perdere la fiducia, e sappi che tante persone, pur non conoscendoti di persona, ti saranno vicine.
Intanto io ti abbraccio, con tanto affetto

Viviana B. ha detto...

E tutto questo a UDINE!
Poi mi vengono a parlare degli scandali della sanità a Napoli o Roma...
Che schifissimo!!!
Ti abbraccio, cara.

il Mandi ha detto...

tutti gli auguri possibili per la mia amica Kaishe!

ti racconto la mia di avventura, anche se meno "preoccupante" della tua:

un lustro fà avevo continuamente male al ginocchio.
alla prima visita mi hanno diagnosticato lo "sfilacciamento" del menisco.

pazienza, due me li avevano già tolti decenni fà!

comunque, per scrupolo, mi fanno altre visite, e tra tac, risonanza magnetica, agopuntura, iniezioni varie, il ginocchio si è incazzato e non stavo più in piedi!

che facciamo?
operiamo!
quando?
a settembre!
ma siamo a febbraio!
prima non si può!
vabbè, prenotiamo!

tornando a casa zoppicando, un "vecchietto" mi vede e mi chiede che cosa ho.
gli spiego e lui mi chiede di "toccarmi".
mi "tocca" e mi dice:
hai un pezzo di terra?
certo!
Allora, a piedi scalzi, fai un solco con la zappa e poi lo ricopri per un mesetto un'oretta al giorno.

fatto!

devono operarmi ancora adesso, perchè era solo infiammazzione e mi è passata!

Gabry ha detto...

Credevo che queste disavventure capitassero solo a noi qui del sud... ma invece ormai la sanità di tutto il nostro paese è allo scatafascio totale... immagino la tua rabbia e la tua apprensione... questi disguidi gravissimi non aiutano a trovare nè serenità e nè fiducia in questo sistema...

Fatti forza Kaishe, metti in gioco tutta la tua pazienza e il tuo coraggio per continuare questa battaglia.
Il mio pensiero e la mia preghiera sono con te... un abbraccio!

Kaishe ha detto...

Bongiorno a tutti...
Oggi son piuttosto giù.
Ma adesso mi attivo per cambiare rotta, chè così non si arriva da nessuna parte.

Però (devo dirlo) mi si chiariscono alcune cose che trovavo incomprensibili. Tipo perchè tanta "povera gente" si affidasse a guaritori e ciarlatani... Magari è perchè questi li ascoltano???

Kaishe ha detto...

P.S.: Grazie a voi!

lasettimaonda ha detto...

E noi abitiamo nel ricco nord...immagino al sud.
La sai l'ultima?
La mia malattia prevede cicli di cortisone in caso di ricadute e devi usare un gastroprotettore per non avere i buchi nello stomaco alla seconda pasticca.
Io sono allergica a quelli che passa il SSN (Lansox Mepral,Gaviscon) peraltro i più cari, l'altro (Ranitidina), me lo darebbero solo qualora avessi l'ulcera.........e costa meno della metà!
Anch'io cerco di essere gentile ed educata, ma che andassero a prenderlo in quel posto!
Io in questo momento ho la gastrite e il farmaco che mi seve per guarirla(il gastroprotettore di cui sopra)me lo pago!Tutto ed ho l'esenzione totale, ti rendi conto?
Stendiamo un telo peloso........
Ciao!Syl

Gabry ha detto...

Un abbraccio Kaishe!

Anonimo ha detto...

Leggo, cerco di capire, capisco.
Un abbraccio grande, Kai, di quelli che scaldano chi lo fa e chi lo riceve.
E' un anno di m..da, posso dirlo?

Mamit

Samuel ha detto...

Santule ti penso ogni giorno..veramente...ci vediamo domani a messa, ho bisogno di abbracciarti :)

Paola dei gatti ha detto...

3 mesi di litigate per ottenere la tessera sanitaria! avevano sbaglliato a digitare il nome ovvero: se mi chiao paola maria margherita, perchè scrivi solo pola e poi ti lamenti che il codice fiscale non corrisponde? appurato ciò devi a questo punto copiare una serie di nueri e lettere dal tesserino del suddeto codice: suppongo che tu sia alfabetizzata visto che ti trovi dietro quella scrivania...NON PUOI SBAGLIARE " VOLTE !
l'ultima volta mi sono ctapultata come una furia dal capoufficio ho fato fuoco e fiamme e... in 3 giorni è arrivata a domiciio la famoa tessera .. tanto valeva sbraitare subito!

Gabry ha detto...

Un abbraccio Kaishe e serena Domenica!

Kaishe ha detto...

Per tutti, tutti, tutti... voi che passate di qui.
Scusate!
Vorrei scrivere qualcosa ma mi sento arida... domani sarà una giornata convulsa.
Vorrei andare a lavorare regolarmente domani ma anche lasciare la casa in ordine e riuscire a prepararmi per il ricovero e quello che ne consegue.
Ma temo che non farò bene nessuna delle cose preventivate.
Anche perchè oggi non ho fatto tutto quello che avevo in programma e quindi sono in ritardo sulla tabella di marcia...
Sperin ben!!!

Paola ha detto...

Un caro abbraccio e in bocca al lupo. Ti sarò vicina con il pensiero.

Gabry ha detto...

Buongiorno Kaishe è normale che tu sia indietro con la tabella di mnarcia, in questo periodo il tuo pensiero è rivolto altrove e questa attesa dovora giorno dopo giorno la serenità... spero che tutto si risolva al più presto e tu possa ritornare serena alla vita di sempre... il mio pensiero è con te...un abbraccio forte forte... oggi da me grande festa la mamma copia 90 anni!!!

NYY ha detto...

Pare sia tutto difficile e complicato a questo mondo ...
Un sincero saluto :-)

PAOLA ha detto...

La chiamo, non la chiamo ....

Dopo averti letta, preferisco di no, sarei inopportuna. Non mi è chiaro se il ritardo nelle risposte dell'oncologa provocherà un ritardo nel ricovero, ma mi pare di capire che no.
Senza parole per il suo atteggiamento.
Devo ammettere che nell'iter che mi ha tenuta impegnata ultimamente nelle vicende che ben sai, se non altro abbiamo avuto a che fare con persone organizzate, puntuali e professionali.
Anche se, durante l'ultima visita oncologica, c'è stato un qui pro quo non indifferente. I due oncologi che ci attendevano dopo un caloroso saluto ci dicono di accomodarci che le notizie sono "ottime", i risultati della terapia e dell'intervento "eccellenti" ..... e nel contempo aprono e sfogliano la cartella clinica.
Momento di perplessità.
Ci guardano.
C'è qualcosa che non va.
Infatti.
La cartella clinica non è quella di mio suocero, ma di un omonimo, ed evidentemente se ne rendono conto dalla data di nascita.
Loro dissimulano il loro imbarazzo alla bell'e meglio, la dottoressa corre a prendere la cartella giusta, il suo collega tampona con qualche battuta, la mia mente vola a mille e mi chiedo se le notizie saranno le stesse, con la cartella giusta davanti.
E se così non fosse, cosa ci diranno "scusate ma vi abbiamo detto fischi per fiaschi".

Momenti di panico puro.
Poi le cose sono andate bene e questi attimi la mente li ha allontanati subito per far posto alle cose migliori.

Passerà, vedrai. E tutto andrà per il meglio. Ti abbraccio con immenso affetto.

STAIT ATÊNZ…

Questo, come ogni altro blog, è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo n° 196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al nome, alla persona, all'immagine ed all'onore.
Quindi, se pensate di passare di qua per scrivere "spiritosaggini" a ruota libera, ve ne assumerete anche le eventuali conseguenze. Per parte mia, mi riterrò libera di intervenire se rileverò che si siano superati i limiti dettati dall'educazione e dal rispetto della dignità riconosciuta alle persone... TUTTE!
L'anonimato, evidentemente, non garantisce la copertura assoluta, poichè, eventualmente, la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog.
Sa ti va ben cussì bón… sennò piês par te!!! …tu pós ancje šindilâti: prat denant e selve daûr…

Stiamo insieme da...

Dicevi??? ^-^

37 grazie x 22 PREMI!!!

Sira degli Oedv Presiùs

Sira degli Oedv Presiùs
Grazie Cri!!!

Embè...

Embè...
Piuma nel Vento ringrazia OEdV!

Già! ... anche...

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!

Ma certo che NO!!!