lunedì 8 marzo 2010

Vallette, sciacquette, donnette e DONNE

In un periodo storico nel quale forse più che in ogni altro le donne sono umiliate, talvolta anche dalle donne stesse... ho cullato questa storia (dal CdS del 17.01) per postarla come AUGURIO per la Festa delle Donne 2010.
Cinquemila chilometri, sei ore di volo e cinque di autobus. È la distanza che separa Belinda Comfort Damoah, badante e infermiera a Lecco, dal suo Paese, la regione di Suma, in Ghana.
Belinda ha 53 anni... come me.
Nel suo Paese nell' Africa tropicale, da secoli regna la sua famiglia. Dal 2003 la corona di regina è sua. Ma lei è una regina in trasferta: vive a Malgrate, vicino a Lecco, da vent' anni. E per vivere lavora. Prima come badante, oggi come infermiera in una casa di riposo.
«Ho lasciato il Ghana nel 1984, con mio marito: crisi, poco lavoro e pochissimi soldi. Ai tempi ero solo principessa... quattro anni a Bengasi, nella difficile Libia di Gheddafi, poi siamo venuti in Europa: obiettivo l'Inghilterra. Ma il destino ha voluto che ci fermassimo qui, a Lecco».
E così si cerca un lavoro e lo trova, appunto, come badante di un'anziana.
Lo stipendio le serve. In Ghana ha una figlia e una seconda nasce qui in Italia...
«Una mattina del 2003 mi hanno chiamato dal Ghana: "Belinda, la nonna, la regina, è morta. Tocca a te". Ho avuto paura ma dopo i primi ripensamenti ho detto sì. Sono volata a Suma per la cerimonia d'incoronazione. Una festa bellissima, ma anche la responsabilità di dover fare qualcosa per il mio popolo. Sono tornata a Lecco con un peso enorme...».
È rientrata in Italia come Nana Akwamma Teprefo Odiakotene, regina madre dell'area tradizionale di Suma, Ghana nord orientale, al confine con la Costa d' Avorio.
«Nana, nel dialetto Akan, quello che si parla a Suma, significa saggio. È quello che sono diventata: saggia, per amore della mia gente».
Obiettivo: aiutare il suo popolo, evitare che, come emigrati, fossero sfruttati ed umiliati, migliorare le condizioni di chi rimane in Patria.
«Ho messo a punto un progetto per migliorare le loro condizioni di vita: aumentare la produttività delle coltivazioni dell'anacardo, il frutto che lì nasce quasi spontaneo. Così ho cominciato a cercare finanziamenti e sono riuscita a trovare il Mida, Migration for development in Africa, uno dei bracci operativi dell'organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom) che aiuta gli immigrati a far crescere l'economia nel proprio paese d'origine. Mi hanno garantito 30 mila euro per iniziare».
Tra un turno e l'altro alla casa di riposo, la regina Belinda fonda una cooperativa per implementare il commercio di anarcardi, ma anche pomodori, manghi e yam, una specie di patata.
«Ora la cooperativa dà da vivere a 400 persone. Ma è solo il primo passo: vogliamo costruire un impianto di irrigazione da 40 mila euro che aumenterà ulteriormente la produttività. Così spero di poter costruire una nuova scuola e migliorare la piccola clinica aperta a Suma. Intanto il progetto Mida va avanti: è il mio grande orgoglio».
La testa in Italia, il cuore nel Ghana, badante a Lecco, regina a Suma: questa è la vita di Belinda.
«Torno giù due volte l'anno: lì sono regina, la mia gente non vuole che io lavori, mi permettono di controllare i raccolti, le piantagioni, ma non di lavorare. Mi preparano da mangiare, mi riveriscono, insomma mi trattano da regina: e io ingrasso, anche 4-5 chili in meno di un mese... La mia terra è diversa, lussureggiante e ricca: sorge ai limiti della savana, a oltre 500 chilometri dalla capitale Accra. Io, per ora, ho il compito di aiutare il mio popolo da qui. Faccio progetti e raccolgo fondi per Suma, mi tengo in contatto e aiuto anche i miei sudditi qui in Italia, e poi guadagno per me e la mia famiglia facendo l'infermiera.
Un detto della mia terra recita: "
è la mamma che sa cosa dare ai propri figli"» dice sorridendo.


Mi pare che questa frase finale sia una conclusione degna e dignitosa.
Degna di una grande donna, indipendentemente dalla sua posizione sociale.

Specchio della grande dignità con la quale donne di ogni tempo e di ogni luogo hanno tenuto alto il nome delle donne. Tutte e ognuna.
Auguri, donne!

16 commenti:

Paola ha detto...

Una Donna!!! come lei tante..., ma tante ancora devono sapersi far valere e rispettare,sciupando così tutto quello che di buono è stato raggiunto.
un bacio Kaishe, dolce notte

Gabry ha detto...

Grande donna!!!... mentre qui da noi, le giovani donne, aspirano solo a facili guadagni e notorietà a tutti i costi, ma la cosa più triste, è che spesso sono proprio le mamme a spingere le figlie su questa strada di vanagloria.

Un abbraccio Kaishe e buon lunedì!

Kaishe ha detto...

Buongiorno a tutte le DONNE che passano di qui.
E agli uomini che ne hanno stima.

NYY ha detto...

tanti auguri a voi tutte, meravigliose donne :-)

Viviana B. ha detto...

Bellissimo post! Posso girarne il link come augurio alle mie donne/webbamiche?
Tanti tanti auguri a te, mia cara Kai!

Viviana B. ha detto...

Ecco, a proposito di donne e donnicciole... Scopro or ora che, come se non bastassero Veline, Letterine, Meteorine, adesso han fatto pure le Padanine! Sono costernata!!!
Ma che fine hanno fatto le femministe vere? O, almeno, le donne vere? Tutte zitte di fronte a 'sto schifo?!?

Kaishe ha detto...

In effetti le umiliazioni peggiori alle donne, le infliggone le donnette che si svendono con una facilità imbarazzante.

Non ne possiamo più di essere valutate con il metro da sarta!!!
Certi "parametri" li lasciamo volentieri alle mostre mercato delle mucche da latte, dove un bel posteriore o un apparato produttore di latte abbondante...

Non ne possiamo più di donnicciole che fanno carriera usando tutto fuorchè il cervello...

Non ne possiamo più di omuncoli di favoriscono l'ascesa di donne che nella loro pochezza accontenta il loro vano desiderio di essere superiori...

Non ne possiamo più delle sciacquette delle pubblicità che confondono le idee ai bambini e inquinano il loro immaginario...

L'unico vero esempio di donna che dovremmo sempre presentare alle bambine è Maria, la Madre di Gesù... ma chi lo fa è considerato nella migliore delle ipotesi "fuori moda".

ZIZI (simoff) ha detto...

ciao Kaishe...
mi sono permessa di postare sulla mia pagina di fb la tua pagina su Belinda...
tante sono le donne "speciali" intorno a noi...ma poco si fa per far conoscere le loro storie...
grazie
http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1660272284

elena ha detto...

bellissimo post su una donna speciale a tutte le altre donne speciali.... escluderei veline, padanine... ecc... a meno che qualcuno non le spieghi cosa è essere donne!!! :) ciao a tutte!!!

Hapi ha detto...

hello... hapi blogging... have a nice day! just visiting here....

Gabry ha detto...

Qui continua a fare un gran freddo anche i miei husky rimangono volentieri in casa...... e questa la dice lunga....ahahah!!!

Un abbraccio Kaishe e buona giornata!

Viviana B. ha detto...

Già, "nella migliore delle ipotesi", perchè altrimenti ti prendi della bigotta...
Va beh, ti lascio con un abbraccio e con l'invito a farmi sapere che ne pensi dell'Isola dei Cassintegrati. Ciao! :-)

Kaishe ha detto...

Altro che "fuori", cara Viviana.
Pensa che mi ostino a sperare che miei figli ne trovino una con le caratteristiche il più possibile simili a Lei.

E sapendo che tipi siano, capisco che forse è il loro non essere propensi ad "accontentarsi"... che li mantiene costantemente "di stato libero".

Ma mica siamo pessimisti!
Sono certa che ragazze meravigliose ce ne siano.
Solo che talvolta pure loro non se ne rendono conto o non lo esternano...

stella ha detto...

Ragazze meravigliose in Italia non ce ne sono molte cara Kais.
Viva le grandi Donne.

Mibemolle ha detto...

che bella storia.....

fabio ha detto...

Le italiane vippssss hanno l'invidia delle africane. Se no perché si fanno siliconare le labbra?

STAIT ATÊNZ…

Questo, come ogni altro blog, è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo n° 196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al nome, alla persona, all'immagine ed all'onore.
Quindi, se pensate di passare di qua per scrivere "spiritosaggini" a ruota libera, ve ne assumerete anche le eventuali conseguenze. Per parte mia, mi riterrò libera di intervenire se rileverò che si siano superati i limiti dettati dall'educazione e dal rispetto della dignità riconosciuta alle persone... TUTTE!
L'anonimato, evidentemente, non garantisce la copertura assoluta, poichè, eventualmente, la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog.
Sa ti va ben cussì bón… sennò piês par te!!! …tu pós ancje šindilâti: prat denant e selve daûr…

Stiamo insieme da...

Dicevi??? ^-^

37 grazie x 22 PREMI!!!

Sira degli Oedv Presiùs

Sira degli Oedv Presiùs
Grazie Cri!!!

Embè...

Embè...
Piuma nel Vento ringrazia OEdV!

Già! ... anche...

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!

Ma certo che NO!!!