martedì 10 marzo 2009

Anche Lui...

Alla fine dei tempi, miliardi di persone furono portate su una grande pianura davanti al trono di Dio. Molti indietreggiarono davanti a quel bagliore. Ma alcuni in prima fila parlarono in modo concitato. Non con timore reverenziale, ma con fare provocatorio.

"Può Dio giudicarci? Ma cosa ne sa lui della sofferenza?", sbottò una giovane donna. Si tirò su una manica per mostrare il numero tatuato di un campo di concentramento nazista. "Abbiamo subìto il terrore, le bastonature, la tortura e la morte!".

In un altro gruppo un giovane nero fece vedere il collo. "E che mi dici di questo?", domandò mostrando i segni di una fune. "Linciato. Per nessun altro crimine se non per quello di essere un nero".

In un altro schieramento c'era una studentessa in stato di gravidanza con gli occhi consumati. "Perché dovrei soffrire?", mormorò. "Non fu colpa mia".

Più in là nella pianura c'erano centinaia di questi gruppi. Ciascuno di essi aveva dei rimproveri da fare a Dio per il male e la sofferenza che Egli aveva permesso in questo mondo.

Come era fortunato Dio a vivere in un luogo dove tutto era dolcezza e splendore, dove non c'era pianto né dolore, fame o odio. Che ne sapeva Dio di tutto ciò che l'uomo aveva dovuto sopportare in questo mondo? Dio conduce una vita molto comoda, dicevano.
Ciascun gruppo mandò avanti il proprio rappresentante, scelto per aver sofferto in misura maggiore. Un ebreo, un nero, una vittima di Hiroshima, un artritico orribilmente deformato, un bimbo cerebroleso. Si radunarono al centro della pianura per consultarsi tra loro. Alla fine erano pronti a presentare il loro caso. Era una mossa intelligente.
Prima di poter essere in grado di giudicarli, Dio avrebbe dovuto sopportare tutto quello che essi avevano sopportato. Dio doveva essere condannato a vivere sulla terra.

"Fatelo nascere ebreo. Fate che la legittimità della sua nascita venga posta in dubbio. Dategli un lavoro tanto difficile che, quando lo intraprenderà, persino la sua famiglia pensi che debba essere impazzito. Fate che venga tradito dai suoi amici più intimi. Fate che debba affrontare accuse, che venga giudicato da una giuria fasulla e che venga condannato da un giudice codardo. Fate che sia torturato. Infine, fategli capire che cosa significa sentirsi terribilmente soli. Poi fatelo morire. Fatelo morire in un modo che non possa esserci dubbio sulla sua morte. Fate che ci siano dei testimoni a verifica di ciò".

Mentre ogni singolo rappresentante annunciava la sua parte di discorso, mormorii di approvazione si levavano dalla moltitudine delle persone riunite.
Quando l'ultimo ebbe finito ci fu un lungo silenzio. Nessuno osò dire una sola parola.
Perché improvvisamente tutti si resero conto che Dio aveva già rispettato tutte le condizioni.

***

Ieri sera, in chiusura di giornata, il mio pensiero era talmente stretto ai sentimenti della mamma di Niki, che l'ho avuta a cuore anche durante tutta la notte. Così, stamattina, mi sento di dedicare a lei questo racconto. Con la speranza che anche sulla vicenda di Niki nessuno osi più dire parole di vigliacca autogiustificazione ma si possa alfine dichiarare la verità dei fatti. Quella verità alla quale Ornella ha diritto. Quella verità che non le ridarebbe suo figlio, ma che almeno gli renderebbe giustizia.

Ornella cara,
se credi che possa servire,
sono pronta a donarti


38 commenti:

Gabry in blog Belella ha detto...

Questo racconto Kaishe è una giusta risposta a tante domande che delle volte poniamo nei confronti del Signore.

Ho letto la storia di Niki e spero proprio che qualcuno voglia arrivare alla verità per donare giustizia e pace al cuore della sua mamma Ornella.

Un saluto Kaishe.

NYY ha detto...

Chissa perche' in Italia arrivare alla verita' di molti fatti accaduti e' sempre + difficile ... :-(

Kaishe ha detto...

Buongiorno a Gabriella e a tutti voi che leggete questo saluto.

Questo racconto mi è sempre piaciuto molto. Mi sono immedesimata in coloro che, dimentichi anche del Timore reverenziale che incute Dio, hanno voluto aver ragione delle proprie sofferenze... soprattutto di quelle dei propri figli.

Credo che se così sarà, a tutti attraverserà la mente la stessa risposta: Anche Lui!

Il nostro Signore non è un essere gelido che se ne sta nel Suo Paradiso e gioca con noi, piccoli e imperfetti esserini della terra. Il nstro Signore ha sperimentato la nostra umanità per farci avvicinare alla sua Divinità!

Kaishe ha detto...

Luca, buongiorno anche a te.
Vero, purtroppo.
Aspettiamo verità di interesse generale (come Ustica) ma anche di giustizia umana e personale (come troppi delitti sui quali nessuno ha certezze).

NADIA ha detto...

Holaaaa!! Licia buongiorno, bello il racconto.....anch'io vorrei giustizia per Niki, per Ornella ma anche per tante storie (chiamiamole così)italiane senza colpevole...non riuscirò mai a capire il perchè fare giustizia, ma quella vera, sia così difficile qui in Italia!!!!!
Buona giornata!!!
Besito!!!

Tua madre Ornella ha detto...

Cara Kaishe,
sono venuta da te ... e sorpresa..
chi mi ha mandato a quest'ora nel tuo blog????
stò piangendo .... grazie

"quando morirò seppellitemi in piedi perchè stò trascorrendo la mia vita in ginocchio" ..

Un bacio e un grazie da me e da Niki (sono certa che lui questa mattina mi ha guidata nel tuo blog ad appena le ore 9 ....)
GRAZIE
Ornella (la mamma di Niki)

Tua madre Ornella ha detto...

Kaishe
prelevo l'immagine ti dispiace???
Ancora grazie
Ornella

Kaishe ha detto...

Ornella cara. Grazie a te che ci insegni che l'amore di una mamma vive fino al suo ultimo respiro. Che ci insegni che nulla può prendere il posto di un figlio che se ne va, ma se ci stringiamo vicine possiamo trasmetterci il calore della condivisione e della comprensione. Che ci insegni che, oltre all'amore, dobbiamo anche rispetto a chi amiamo. E il rispetto si deve esprimere nella ricerca della verità.
Ho imparato ad apprezzarti senza lasciare segni dei miei passaggi (e grazie al suggerimento di IntrigantiPassioni)... ho finito per voler bene a Niki e a te!

Tua madre Ornella ha detto...

Grazie Kaishe,
ma vi prego siatemi tutti vicini,
è così dura e così difficile lottare contro chi mente, chi offusca, chi ti mette fuori strada... la Verità a Niki è dovuta, perchè quando lo rappresentevano sui giornali io con lacrime di sangue, credimi dicevo: "Non è vero nulla, non parlano di Niki, Niki non è questo, Niki non avrebbe mai messo fine alla sua vita (aveva 1000 progetti), adorava il fratellino sopra ogni cosa, da anni seguiva Emergency, appena ha iniziato a lavorare ha adottato una bambina in Africa ...e questi parlavano di uno che NO, non era lui...."
Vedi non possono ucciderti e poi farti passare per il colpevole che non ha retto .... QUESTO E' DISUMANO ... E' ATROCE ....
Una mamma non può e non deve accettare le menzogne al posto della Verità, e deve cercare la Giustizia per gli altri figli, per evitare che anche un'altra sola mamma soffra quello che stò soffrendo io (ho perso per sempre la mia vita, era la luce dei miei occhi!!!)
Un bacio
Ornella

Balua ha detto...

Ornella.. una madre non può nè deve SUBIRE quel che hai dovuto subire tu.

Non è umano.

Mamit ha detto...

A Ornella un abbraccio strettissimo e silenziosissimo.
Da mamma.

e uno a Kai che "ci mette in contatto"

Kaishe ha detto...

Eccomi a prendermi i MIEI abbracci...
In questo preciso momento ne ho un bisogno grandissimo.

il monticiano ha detto...

Kaishe accetti un abbraccio anche da me che, battezzato, cresimato, sposato in chiesa ecc. a causa di quello che ho passato e sto passando perdo giorno per giorno ogni mia certezza in quello che c'è nell'aldilà?
Anche se cerco di occupare la mente scrivendo cose semiserie.
Questo racconto nel tuo blog mi ha molto colpito.

rosy ha detto...

Grazie kaike, per la mamma di niky... per la sofferenza del mondo che certe volte ci sembra ingiusta...forse non lo è...solo perchè siamo limitati...non lo so so solo che forti dubbi mi schiacciano...guardo il cielo e cerco di capire...ma il cielo è tanto lontano da noi..e non mi resta che pregare per le tante ingiustizie che colpiscono i miei occhi.
Ti abbraccio.

aquila ha detto...

Ciao mami, sono rientrata...che botta di vita...è stato salutare staccare i contatti per un giorno e mezzo....a presto...la

Orsobruno ha detto...

Bellissimo racconto, Kaishe, proprio bello!
Pregherò anch'io per questa triste vicenda... perchè questa mamma abbia giustizia dagli uomini e pace da Dio.

upupa ha detto...

..carissima..ognuno di noi ha bisogno di parole che riempiono l'anima....nei momenti belli e nei momenti duri della vita...sentirsi vicini è vincere la solitudine..e molte volte la vita ci mette a dura prova!!

PAOLA ha detto...

KAI
aspetta, c'è anche il mio di abbraccio!!!!!!

stella ha detto...

Kai ed Ornella vi abbraccio immensamente!

Gabry in blog Belella ha detto...

Mi unisco al vostro grande abbraccio per Ornella sperando che presto possa trionfare la verità per Niki.

Un saluto a te Kaishe e buona giornata.

Kaishe ha detto...

Buongiorno a tutti.
Ieri vi ho sentite vicine durante una giornata che, a un certo punto, ha preso una vena di grande malinconia...
Speriamo che oggi sia, per ciascuno di noi, serena!

aquila ha detto...

buongiorno mami, un abbraccio...a presto

NADIA ha detto...

hola buongiorno licia,
un abbraccio stretto stretto da parte mia querida.
A Ornella vorrei dare un abbraccio forte che ti dia ancor più coraggio per la tua lotta, non temere non sei sola ti aiuteremo ancora, conta su di me.....da mamma te lo dico Forza Ornella!!!
Buona giornata a tutti!!!
hasta siempre!!!

Tua madre Ornella ha detto...

Kaishe,
tesoro ho messo un nuovo post, vieni a leggere .....
piano piano, vi racconterò tutto quello che mi hanno fatto subire ...
Un bacio
Ornella

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiorno Kaishe qui ieri è stata la giornata dell'acqua piovana, altro che paese del sole....ahahahah!!!!

Speriamo che oggi non cada nemmeno una goccia altrimenti incomincio a dare delle craniate nel muro da sola....

Un saluto e buona giornata.

Kaishe ha detto...

Buon, soleggiato, felice giorno a tutti!!!

NADIA ha detto...

hola buongiorno Licia!!!
Qui c'è il sole ma anche un bel venticello fresco, voglio il sole caldo e la primavera!!!
besito!!

aquila ha detto...

comunicazione di servizio : c'è posta per te, o è in arrivo....

ciau mamma

Paolo ha detto...

Come dico spesso... in questo Blog si respira aria buona...

NYY ha detto...

bene allora respito un po anche io ..
Sono curioso dei fotogrammi, per caso ti hanno passato un file exel con i film da indovinare?

Mamit ha detto...

E a proposito di aria buona, un motivo di più per venire qui a respirarne un po'. Vista quella che tira da me :-)
Domani è venerdì 13, speriamo sia una gran giornata per tutti.
Ormai mi affido alla càbala.

Buonanotte Kai .... lascia le finestre aperte ....

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiorno... Buongiorno...Buongiorno!!!
Ieri giornata fredda ma bella ed oggi idem!

Un saluto Kaishe e buona giornata.

Tua madre Ornella ha detto...

Kaishe,
ho fatto un nuovo post,
vorrei che si leggesse tutta
la storia di Niki e mia!!
Ti ringrazio ancora un bacio
Ornella

jack ha detto...

Sia fatta Giustizia contemporaneamente alla volontà di Dio (Non so quando questa mia frase sia attinente al racconto,cmq la storia è davvero bela e piena di morale).Ciao Kaishe,un abbraccio,alla prossima pillola di saggezza! ;-)

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiorno Kaishe , qui c'è un assaggio di primavera che dopo un inverno proprio inverno è piacevole da gustare.
Un saluto e buon fine settimana!

Gabry in blog Belella ha detto...

Buona domenica Kaishe!

rosy ha detto...

Anche se ho messo il blog in sosta...non posso passare dagli amici per augurare una buona Domenica.

Buona Domenica Mandi Un bacione.

Viviana B. ha detto...

Kai, bellissimo e molto profondo questo racconto. Se non ti spiace, credo che lo copierò in occasione della Settimana Santa...

Per quanto riguarda Niki e sua mamma, è davvero triste constatare quanti dolori vengano cristallizzati a causa del silenzio, in Italia. Un abbraccio a mamma Ornella.

STAIT ATÊNZ…

Questo, come ogni altro blog, è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo n° 196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al nome, alla persona, all'immagine ed all'onore.
Quindi, se pensate di passare di qua per scrivere "spiritosaggini" a ruota libera, ve ne assumerete anche le eventuali conseguenze. Per parte mia, mi riterrò libera di intervenire se rileverò che si siano superati i limiti dettati dall'educazione e dal rispetto della dignità riconosciuta alle persone... TUTTE!
L'anonimato, evidentemente, non garantisce la copertura assoluta, poichè, eventualmente, la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog.
Sa ti va ben cussì bón… sennò piês par te!!! …tu pós ancje šindilâti: prat denant e selve daûr…

Stiamo insieme da...

Dicevi??? ^-^

37 grazie x 22 PREMI!!!

Sira degli Oedv Presiùs

Sira degli Oedv Presiùs
Grazie Cri!!!

Embè...

Embè...
Piuma nel Vento ringrazia OEdV!

Già! ... anche...

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!

Ma certo che NO!!!